Category Archives: Uncategorized

Green Climate Fund feels the heat

11218181_10153917072869218_7515319598325266283_o

This article was first posted on IRIN

It’s just three months since world leaders reached an agreement in Paris to commit billions of dollars towards curbing and adapting to climate change. But the UN body responsible for ensuring the money is spent effectively is facing some critical questions.

The Green Climate Fund (GCF) has so far focused on building a framework to approve its first batch of projects. The fund set itself the tough goal of distributing $2.5 billion by the end of 2016, a quarter of the $10 billion currently pledged by countries in support of the climate cause.

But with December’s summit over and with a pipeline of only eight investments totalling $168 million, the GCF also finds itself without a clear vision or long-term strategy – and faces criticism from partners as well as developing countries struggling with its red tape. Continue reading

Food – the big picture

This article was first posted on IRIN

Global food security is not just about how much we grow. To achieve it, we need to look at the bigger picture, particularly at the way in which water and energy needs underpin production.

Climate change threatens all of that. Rainfall variability directly affects crop production, but also energy generation (think of hydropower) – essential to grow, store, process and move food.

Tropical regions are the worst affected. “Not only are the areas closer to the equator more prone to weather extremes such as flood or drought, but smallholder farmers often don’t have the resources to cope with changes in the local climate,” Frank Rijsberman, head of CGIAR, the global agricultural research consortium, told IRIN.

While extreme events used to occur once every 100 years, they can now be expected every few decades. Seasonal weather patterns are also changing, altering habitats often irreversibly. Continue reading

See you soon, London

With one post a months I am really pioneering a new era of senseless slow blogging. You’ll know who to vote for the next Lazy Blogger of the Month awards.

Next on my schedule a trip to Ethiopia, where I will attend the second high level meeting of the African European Energy Partnership as part of the comm team.

I promise pictures, sounds and other frolics in ten days time.

 

Don’t do it for journalism

Thomas Guest via Flickr

Thomas Guest via Flickr

Do we really need to learn how to code? As journalists, I mean. Do journalists really stand out if they know how to code?

I’ve always liked the idea of learning how to code, as I like the idea of doing a million of other things. Though today I came across two divergent opinions  on journalism and coding that made me reconsider my stance.

The first column won me with a classic line:

“Every skill you don’t have leaves a whole class of stories out of your reach. And data stories are usually the ones that are hiding in plain sight.”

Scott Klein imagines a generation of brave new programmer journalists freshly graduated ready to steal your best stories and eventually your job. Unless you learn to code, I guess, even though they are younger and faster etc. The piece includes a list of highly cool data investigations that “any of us would have been proud to have written.” All of them are great stories, underpinned by programming.

But admittedly, most of them are the result of the joint effort of programmers AND journalists. Only one story displays the individual byline of Joanna S. Kao, interactive developer and reporter. And I wonder if Joanna actually works full time in a newsroom or gets most of her salary working at the digital desk.

It’s just on this question that the second voice stroke me with a simple, straight answer.

Coding may be useful for a very narrow category of journalists, but definitely not for all of them. Not even for multimedia people like me. Yes, my job requires a fair amount of technical skills. But not coding. Sadly and simply because I will never be as good as a professional developer and I am paid to be an editor, a reporter and a producer and my boss wants me to do my job.

Most of the big and medium size companies can afford to outsource this kind of specialised services, and if you want to be the coding guy you probably won’t be as sharp as a reporter, not having the time to practice your writing/reporting skills. I can see that in my job, when sometimes I struggle to combine editorial and technical tasks, while trying to also produce my own stuff.

I hate to admit it, but some super cool skills aren’t really useful in real life. If you want to play with computer, learn video and audio editing, maybe Illustrator, or After Effects, to create animations (I am lusting over it, it’s one of my new year’s resolutions). These are things that can be combined with journalism. Or better, with a JOB in journalism.

And beware, data journalism is not just for coders. Though it’s an obvious point, the author of the “pro” column seems to forget it.

It’s definitely true that “data stories are usually the ones that are hiding in plain sight.”

But to be a data guy you don’t need to know how to code. Really, you don’t. Familiarity with spreadsheets and huge patience to scrape them are a very good starting point. You probably need to know how to design and write a FOIA request. Then you can build on that, and the internet is packed with free tools to visualise data and make them interactive. But unless you are a professional developer you will never match stuff like that.

I think it’s still good to learn coding. But I want to do it for a good reason, because it’s important to be ITC literate, because it may be fun if you are a bit of a nerd and because it’s cool to know stuff that the rest of the world doesn’t have a clue about.

For once in my life, I won’t do it for journalism.

New beginnings

Wow, it’s been more than a month since my last post. In my defense, I can say that much has happened and I was pretty busy, apart from a week of totally needed and deserved holiday in Italy.

Part of the last month has been spent preparing (and worrying about) the job application for multimedia producer at SciDev.Net. It was a quite long process, but I am happy to say that I got the job and I will start tomorrow.

Here’s the showreel I produced for the application.

So from tomorrow on my life’s gonna change and as I was told by my friends I am now a “proper Londoner”.

On top of it I also opened a blog in Italian, Penne in Panne, to support Italian journalists who want to move to the UK to study or work. I hope the project will bring together an active community in the next months. The crisis-chocked Italian industry is leaving too many young people unemployed and hopeless, thus moving to another country is for many the last chance to have a decent career. And I think that looking for better learning opportunities is also a good investment for the future. Should we see an Italian renaissance in a decade or so, there will be need of well trained brains that at the moment don’t seem to be welcome in Italy.

Other more cheerful resolutions for the coming year include learning French and improving at coding. Maybe I will build a robot at a point. Who knows, life’s full of surprises around here.

robot_david

One day, this will be awesome journalism

new scientist

 

At the moment, it’s just chaos.

On the top of all the work I am doing for my placement, I am trying to keep the pace with the master and at least my final project’s pitch is ready to go.

I have to say that before spending the last week at Research Fortnight I was very doubtful about potential interviewees. Working there for few days has been enough to put me in touch with a wide range of institutions and experts, which I carefully listed. Now, I feel that my pitch works well.

Writing it was an interesting process, I know that the worst is yet to come but who knows… maybe one day I’ll write something for an important magazine.

This is the Storify I’ve made after a little poll on Twitter, seeking for advice from social media specialists.

Libertà

Oggi mi concedo una piccola divagazione personale. Non mi piace fare i discorsi, sono troppo sciatta per le celebrazioni.

Ma progettare una vita nuova è stato un percorso così lungo e sofferto che ho bisogno di esprimere la mia gratitudine a tutti quelli che hanno dato una spinta al destino, volontariamente o meno. Lo farò in rigoroso ordine cronologico.

INVERNO –  A Lorenzo Mantelli, con cui ho condiviso una cena e poco più e che in quell’occasione, quasi per caso, mi disse: “Sai, ho un amico che l’ha fatto ed è contento. A tornare indietro farei la stessa cosa”. Lui nemmeno lo sa, ma ha cambiato la mia vita.

A Daniele Fisichella, il secondo anello di questa catena improbabile, che mi ha raccontato la sua storia e alla fine, un po’ per scherzo, mi ha detto: “Ti ho convinto?”. Ha ascoltato le mie lamentele e ha speso ore a parlare con me di Italia e di Inghilterra, senza nemmeno avermi mai vista in faccia.

Ad Alessandro Di Maio, che c’è sempre nel momento del bisogno, che è un esempio umano e professionale, e che mi ha detto, in una lunga conversazione via Skype, le parole giuste al momento giusto. Mi ha fatto conoscere il potere del numero magico e mi ha insegnato come fanno gli arabi a trasformarlo in un portafortuna. Mi piace pensare di essere riuscita a passare l’esame grazie a tutti quei nove disegnati sul quaderno.

A Gabriele Ponzoni, nel cui ufficio all’INGV ritrovo dopo ogni chiacchierata coraggio e speranza. L’ultima volta che ci siamo visti mi ha minacciata: “Se tra due mesi sei ancora qua ti inseguo e ti prendo a calci in culo”. Un incoraggiamento che non dimenticherò.

NUOVO ANNO – A Riccardo Spada, amico del cuore, per tutto, per avermi corretto le cover letters piene di strafalcioni e per avermi presentato Navpreet Kundal. Senza nemmeno conoscermi, mi ha aiutata a preparare un esame impossibile, e sempre è stata “here to help” senza aspettarsi nulla in cambio. La sua più grande lezione è stata di amicizia.

Ad Andrea Nuzzo, che mi è piombato addosso una sera di gennaio nel momento meno opportuno, ma è stato l’inizio di una nuova vita. Grazie per un numero incalcolabile di cose. E anche per aver preso parte alla campagna “correggiamo le barbarie linguistiche di Lou prima che invii l’application”.

PRIMAVERA – A Giulia Biguzzi, che ha creduto in me quando nemmeno io ci credevo e mi ha voluto bene a prescindere.

A Ugo Bardi, per la lettera di referenze, per i suoi libri, per essere un saggio e un divulgatore impeccabile e fantasioso. Per tutte le interviste che mi ha pazientemente rilasciato, per avermi dato l’opportunità di lavorare con ASPO. E ad ASPO tutta, che mi ha aperto un portone.

A Giovanna Cosenza, per la lettera di referenze e per le utili cazziate.

Something about the future

A volte trovare il coraggio di fare qualcosa di nuovo e un po’ rischioso mette simpatia alla sorte. Mi sono intrufolata all’EMB2012, convegno europeo dedicato alle biotecnologie ambientali, con la sensazione di parlare una lingua aliena in mezzo a tutte quelle formule incomprensibili che sembravano chiarissime al resto del mondo.

Grazie al cielo non ci è voluto molto per ambientarmi, fare domande stupide, approfittare dalla curiosità degli organizzatori verso la mia piccola telecamera. Così in due giorni di lavoro serratissimo sono riuscita a collezionare molti spunti e alcune videointerviste.

Quella che mi rende più contenta, anche se come vedrete la qualità dell’inquadratura lascia a desiderare, l’ho fatta a Willy Verstraete, dell’Università di Gent, in Belgio.

Con lui ho parlato di futuro, di società resiliente, di crisi, della necessità della scienza di aprirsi alla società abbracciando una forma di ricerca più olistica.

Per questo piccolo ma prezioso ricordo (e per tante altre cose, ma è un’altra storia) devo ringraziare Andrea, che mi ha placcata esclamando “Devi assolutamente intervistarlo, ha aperto la sua presentazione menzionando Limits to Growth!”.

 

 

Special thanks to Cristiano che ha ripreso questo video su Transition Italia.

Giornalismo 2.0 – meno giornalisticità per favore

Il titolo dell’incontro a cui ho partecipato ieri, organizzato da Youth Press Italia,  parlava chiaro: il tema era il futuro del giornalismo, ma più nello specifico i nuovi media, con particolare attenzione ai social.

Invece, si è finito a parlare d’altro.

Il programma e l’elenco relatori, che vedete qui, dicono poco di come sia svolto l’evento, che ha preso una piega imprevista ma utile a ricordare quali sono le urgenze e forse i limiti del popolo dei giornalisti d’oggi.

Ancora una volta, la parola chiave è stata “precariato”: si è ragionato di come affrontarlo sia dal punto di vista politico e collettivo, che da quello personale. Ciascuno deve trovare la sua strategia di sopravvivenza pratica e psicologica. Sentirsi allo sbaraglio, dover contare i centesimi, vivere nell’ansia della folla di concorrenti che con la bava alla bocca aspettano solo che tu dica un timido “no” per prendere il tuo posto, minerebbe anche gli spiriti più equilibrati.

Sono uscite parole come “lotta”, discussioni sul ruolo del sindacato e sulla necessità di sensibilizzare i giovani che ancora accettano di lavorare per niente. Tutti aspetti importanti della professione odierna, ma che a mio parere sarebbero da superare, pensando con più attenzione al contesto in cui viviamo.

La crisi c’è, c’è per tutti e non solo per noi, non è colpa degli editori cattivi, a mio parere l’Ordine ha delle grosse responsabilità ma questa è un’altra storia.

Nel frattempo, dobbiamo metterci gli occhiali per vedere un po’ oltre il nostro naso, e renderci conto che parte dei conflitti in cui anneghiamo sono il sintomo di un cambiamento, economico, sociale e culturale. Non ci sono buoni e cattivi, non c’è una contrapposizione reale tra dipendenti e precari, tra carta e internet, tra nuovi e vecchi media.

Non è vero che Facebook ci rende -stupidi-, impatta sulla società in modi che al momento non possiamo valutare, il cui sviluppo sarà imprevedibile. Se al momento l’uso dei social network dà luogo a fenomeni deprecabili come la crescita di aggregatori di notizie che si spacciano per giornalismo, è perché siamo in un periodo di assestamento.

Abbiamo paura dei nuovi media perché non ci siamo nati in mezzo, ci sono piovuti addosso e crediamo che i nostri figli li useranno nello stesso modo in cui lo facciamo noi, con il cervello strutturato per usare modelli informativi e di pensiero pertinenti ad un’epoca passata.

I nativi digitali sapranno leggere tra le righe di una trama che per noi è troppo fitta e ci appare un tessuto piatto, separare il vero dal falso, la superficialità dal valore.

E come non dobbiamo aver paura dei nuovi media, non ci deve spaventare il mondo nuovo che ci vede tutti freelance. La parola precario mi ha stancata, d’ora in poi sarà il più possibile bandita dal mio vocabolario. Troppo spesso (non sempre, ma spesso) diventa una bandiera all’ombra della quale piangersi addosso. Ci sono molti modi di difendere la propria dignità di lavoratore; se non posso farlo tramite un posto fisso, lo farò da libero professionista. Tra parentesi, è facile che alla fine ti ritrovi con più soldi, più tempo libero, più soddisfazioni per aver fatto cose meno noiose.

Se io avessi ragione, però, non si spiega perché siano così pochi a scegliere la strada della flessibilità. Credo che una risposta convincente la dia Silvia Bencivelli, che sul suo blog scrive cose di cui quasi sempre sottoscrivo ogni virgola:

Io sono particolarmente schizzata, ma vi giuro che per molti è più o meno così. Spesso, inoltre, facciamo cose che i non-scientifici definirebbero non-giornalistiche, e a torto (o per lo meno, in modo un po’ miope), come una traduzione o un’attività con le scuole.

Ne segue che siamo anche più fortunati della media dei nostri colleghi: lavoriamo di più e in modo più vario. E ogni tanto ci chiediamo perché gli altri non facciano come noi. In cambio di un po’ meno di giornalisticità ne avrebbero un bell’allargamento del mercato. Ma se non lo capiscono tutti, subito, in massa, a noi sta solo bene.

[…]

Noi scientifici, a margine, non soffriamo della sindrome dei quattro euro a pezzo. Non so perché, ma davvero non mi capita mai di sentire il mio coetaneo (se si parla di lavoratori alle prime armi la cosa cambia, occhei. Ma ricordiamoci di monetizzare anche l’investimento che si fa nel lavoro, per cui il pezzo viene pagato 4$ + crescitaprofessionale + contatti + speranzadicontinuarelacollaborazione + … Qui sto parlando di gente che ha qualche anno, non molti, di carriera alle spalle e che lavora per lavorare oggi, non domani), insomma dicevo: non mi capita mai di sentire il mio collega scientifico davvero molto maltrattato dai propri clienti. Forse anche perché chiamarli clienti aiuta, non so.

Non credo che siamo più intelligenti della media (cioè: a volte lo penso, ma via, giù… rimanga tra noi…). Né credo che abbiamo fatto una pensata in più rispetto agli altri su dignità e soprattutto responsabilità che il nostro lavoro ci accolla. Per me, chi accetta di lavorare per due lire è un irresponsabile e l’ho già scritto. Ma non tutti la pensano così. Semplicemente ne ragioniamo in modo quasi teorico, e poi riattacchiamo a lavorare.

C’è vita nel Sottobosco

Avevo intenzione di scrivere qualcosa sulla prima lezione del corso di aggiornamento dell’Ordine a cui mi sono iscritta. Mi ero anche scritta un sacco di appunti, cosa che non faccio mai, su un’agendina nuova. Ovviamente l’ho dimenticata a casa di Giulia, per cui niente riflessioni su deontologia, Ordine, editori, stipendi. Il che forse non è nemmeno un male, visto che sto cominciando ad annoiarmi da sola. A fine giornata, mentre passeggiavo con un amico verso la mia bicicletta, che avevo dimenticato sotto le Due Torri, pensavo proprio questo: esiste un’età per tirare avanti a testa bassa, un’età per incazzarsi e sbattere contro le sbarre come cani in gabbia, un momento in cui trovi la strada e ti incammini. Forse sei solo stufo di abbaiare al vento. Siccome la vita è un cerchio, sai che arriverà il punto in cui ti toccherà ricominciare da capo. Ma per il momento, sento che le cose riescono meglio se si mette da parte la rabbia e si inizia a combattere.

Poi ci sono anche quei piccoli passi avanti che ti fanno pensare che in fondo ne è valsa e ne vale la pena, che ti fanno immaginare un futuro possibile.